PROGETTO TOURSKILLS - SIMONA DAGA (INSEGNANTE ISS DON DEODATO MELONI)

Simona Daga è insegnante dell'ISS Don Deodato Meloni Oristano, Italia). Ha accompagnato un gruppo di studenti durante la prima e la seconda mobilità (Siviglia 2018 Madrid 2019).

Ancora una volta torno in Erasmus. Il mio, il primo, è stato nel 1995 e da allora non ho smesso di crederci. Un Erasmus è per sempre, dico io. O meglio: uno, (uno nel mio caso) sarà Erasmus per sempre. Perché Erasmus significa crescere. Mettere in discussione le proprie abitudini, i propri legami, le proprie idee. Significa cercare di affermarsi, scontrarsi, incontrarsi. Essere accolti e imparare ad accogliere.

È anche per questo motivo che ancora una volta esco di casa e divento un profeta Súper 24 ore al giorno (come afferma la mia lettera di incarico). Ancora una volta accompagno i giovani in viaggio, in Spagna, a Madrid.

Li accompagno significa che dico loro buongiorno, indico le fermate della metro, cerco di spiegargli Guernica; Traduco un menu, ricordo che non devono perdere i loro documenti; Li aspetto infastidito perché alcuni sono in ritardo, mi sorprendo mentre si fanno un selfie di gruppo in una stradina di Toledo. Insisto che siano puntuali quando tornano la sera, dico loro la buona notte.

Tutto questo durante la prima settimana di soggiorno. Poi volano. Cambiano, crescono ...

Mi salutano, conoscono le fermate della metropolitana, ricordano particolari di Guernica; cenano insieme; alcuni continuano ad arrivare in ritardo al mitin de fin de semana, si scusano. Continuano a fare foto; Chiedo puntualità nel rientro a casa la sera.

Il ritorno in Italia è ormai vicino, sarà tra pochi giorni. Quando ti cito, uno strano silenzio li avvolge, per un attimo sono rattristati ...

Non sanno ancora che l'Erasmus non finisce mai. Sono sicuro che tornerà nei loro pensieri, nei loro ricordi, nelle loro storie. Dalla finestra del quinto piano di via Espronceda mi affaccio, e penso che tornerò anche io, ancora una volta, perché c'è sempre di più da vedere, da vivere.

Come ha scritto Jose Saramago: “(…) per rivedere ciò che abbiamo già visto, per vedere in primavera ciò che abbiamo visto in estate, per vedere di giorno ciò che abbiamo visto di notte, con il sole dove la prima volta ha piovuto, per vedere il raccolto verde, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Dobbiamo tornare sui passi già fatti, ripeterli e tracciare nuove strade al tuo fianco. Dobbiamo ricominciare il viaggio. Sempre".

?Volveeeeeer….

Simona Daga

Tradotto con DeepL